I social media rappresentano lo spazio attraverso cui gli utenti condividono contenuti testuali, immagini, video e audio.
I professori Andreas Kaplan e Michael Haenlein li definiscono come un gruppo di applicazioni Internet che consentono la creazione e lo scambio di contenuti user generated.

Cosa fa il social media manager?

vita-social-media-manager copia
Social Media Manager si occupa della gestione professionale dei canali social del brand, azienda o realtà che gestisce.Realizza un calendario editoriale, scrive copy, schedula post, commissiona la creazione di contenuti digitali come foto e video. Si occupa di fornire settimanalmente o con cadenza quindicinale report sull’andamento dei singoli media presidiati. Utilizza tool o software che lo aiutano nella pianificazione, gestione e diffusione dei contenuti.>

Skills richieste/necessarie

In primis solide base di marketing strategico, perchè il social media manager è in primis uno stratega, che definisce gli obiettivi, le metriche ed i KPI da condividere con il cliente. Una presenza costante, quasi ossessiva in rete, per monitorare, ascoltare, spiare concorrenti, e carpire segreti e nuove tendenze. Sfrutta l’instant marketing, vale a dire un fenomeno molto diffuso che consiste nell’inserire il brand/prodotto all’interno dei trends del momento.

Differenza con il community manager

Un Community Manager è il volto del brand nello spazio digitale: costruisce relazioni con i membri chiave della community e facilita l’engagement degli utenti. E’ il punto di contatto con il pubblico, il primo baluardo dell’azienda. Il suo obiettivo è creare, preservare, alimentare e nutrire la community.

Perchè affidarsi ad un social media manager

Perchè in primis è un professionista, ed in quanto tale cura in maniera professionale, sistematica, senza improvvisazione la presenza sui social media. In secondo luogo perchè presidiare un media significa viverlo, rispettarlo, nutrirlo. Infine il social media manager coglie aspetti e feedback derivanti dall’ascolto della rete che possono migliorar lo sviluppo del brand.