Come collegare Google Analytics ai prodotti Google

Come collegare i prodotti Google a Google Analytics
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Abbiamo avuto modo di studiare insieme il processo di creazione degli obiettivi su Google Analytics.
Google Analytics
ti permette di indagare a fondo e carpire la personalità ed il comportamento dei tuoi visitatori.
Dalle varie metriche a disposizione puoi desumere infatti la loro fedeltà, il tempo di permanenza, le sessioni aperte per ogni visita, e molto altro!
Non solo, puoi capire anche quanto il tuo sito le ha fatte innamorare: per esempio, puoi scovare le landing page che hanno portato a una conversione ed, entrando ancora più nel dettaglio, quelle che contribuiscono maggiormente ad alzare l’AOV, e via dicendo.
Insomma, un mondo di dati e numeri a portata di click!
Inoltre, Google Analytics è un vero e proprio contenitore che, come le matrioske, può inglobare e riepilogare al suo interno i dati di altre piattaforme Google.
Come?

Offrendo loro (e ai loro utilizzatori) in maniera gratuita tutti gli strumenti necessari per effettuare numerosi monitoraggi e analisi che prendono in considerazione differenti angolazioni, di cui quelle viste sopra costituiscono solo una piccola parte.
Infiliamoci pertanto negli infiniti meandri di questo fantastico strumento per capire meglio quali sono…GLI AMANTI PIU’ FOCOSI DI GOOGLE ANALYTICS!
– Google Search Console
– Google Adsense
– Google Ads

Google Search Console
Prima di addentrarci nel come fare per collegare Google Search Console ad Analytics, sai di cosa si tratta?
È un tool che ti consente di dare un voto all’attrattività del tuo sito a livello organico.
Ovvero, quante impression riceve il tuo sito una volta che, matchando la query digitata dall’utente, appare nella SERP? Poi, qual è il CTR, il bounce rate e la CR (nel caso in cui il tuo sito sia un e-commerce)?
Search Console è una sorta di maestra SEO del tuo sito: ti dice quanto fai gola ai motori di ricerca e ti bacchetta istruendoti su come diventare di maggiore appeal.
PREMESSE
Ah, ovviamente, prima di poterla utilizzare, devi registrare il tuo sito al suo interno, attestando che sei il proprietario o comunque un utilizzatore autorizzato.
Inoltre, per far sì che Search Console possa comunicare i suoi dati a Google Analytics, devi essere configurato come Amministratore su entrambe le piattaforme.
Ma entriamo nel vivo dei PASSAGGI:
– Entra nell’account di Analytics
– Clicca su “Amministratore”
– Entra nella proprietà, quella in cui vuoi che si verifichi la migrazione dei dati provenienti da Search Console
– Da qui clicca su “Impostazioni proprietà”

collegare search console con google analytics

Subito dopo fai click su “Impostazioni di Search Console”: qui dovresti vedere l’URL del tuo sito web. Se non lo vedi, significa che non puoi apportare modifiche e, quindi, devi aggiungere il tuo sito a Search Console (come visto nella sezione “Premesse” poco sopra)
A questo punto puoi selezionare le viste rapporti in cui visualizzare i dati provenienti da Search Console e salvare il tutto.
Non dimenticare che il rapporto proprietà – sito è 1:1, ovvero ogni proprietà di Analytics può corrispondere a un unico sito.
Pertanto, nel momento in cui volessi creare una nuova associazione per la stessa proprietà, devi per forza eliminare quella esistente.
Fino a che arco temporale puoi andare indietro con la consultazione dei rapporti SEO in Analytics?
Puoi avere accesso ai dati che risalgono fino ai 16 mesi precedenti: questo perché Search Console, che fa migrare i dati verso Google Analytics, li mantiene fino a questo lasso di tempo.
Inoltre, devi sapere che i dati che la piattaforma raccoglie diventano disponibili dopo 48 ore. Quindi, supponendo che la rilevazione avvenga in data x, potrai visualizzare e consultare le informazioni in data x + 2 giorni.

Google AdSense

Prima di tutto, ci tengo a farti una breve premessa sulle tipologie di campagne pay-per-click che si possono creare con Google Ads.
Oltre a quelle che potrebbero essere maggiormente note ai più, per esempio le campagne nella rete di ricerca o le shopping, esistono anche le cosiddette campagne display.
Di cosa si tratta?
Esse permettono di pubblicare l’annuncio all’interno di alcuni siti qualificati e facenti parte della rete display di Google, che ne conta oltre 2 milioni.
Pertanto, queste campagne cercano di attrarre l’utente in maniera più diretta, incontrandolo proprio mentre naviga in un sito ben preciso, piuttosto che in luoghi maggiormente affollati quali la rete display.
È qui che entra in campo Google AdSense: si rivolge direttamente ai proprietari dei siti web consentendo loro di ospitare gli annunci pubblicitari, ovviamente pertinenti, di terze parti e di guadagnarci con i click o le impression!
Ebbene, anche l’account AdSense, così come quello di Search Console, può essere collegato all’account di Analytics.
Le condizioni sono che l’indirizzo mail coincida per entrambi e che tu abbia le autorizzazioni di Amministratore.
Pertanto, ti sarà sufficiente seguire i seguenti step:
– Entra nell’account Analytics e, subito dopo, nella scheda “Amministratore”
– Seleziona l’account e la proprietà e, da qui, fai click su “Collegamento di AdSense”.

Google Adsense e Google Analytics
ATTENZIONE
Per riuscire a monitorare le performance delle tue attività, devi prima inserire il codice di monitoraggio Analytics in tutte le pagine dei tuoi siti web che ospitano annunci display. Altrimenti, come può avvenire il tracciamento?!
Una volta che i due account sono collegati, non avere troppa fretta, altrimenti rischi di fare affidamento a dati distorti, o di spaventarti perché non li vedi proprio: attendi fino a 24 ore per dare al machine learning il tempo corretto per la migrazione della totalità dei dati!
Hai eseguito tutto correttamente, ma noti degli scostamenti fra i dati di AdSense e quelli di Analytics?
Non preoccuparti, potrebbero essere dovuti ai seguenti fattori:
Magari il tuo browser non è in grado di supportare l’iframe, ovvero il tag specifico che AdSense impiega per pubblicare gli annunci
I firewall o altri blocchi potrebbero appunto fermare la registrazione dei glance AdSense
Verifica che i fusi orari dei tuoi account coincidano, altrimenti gli stessi dati verranno associati a periodi temporali differenti!
Dal momento che Analytics, per facilitarti nella lettura dei dati, permette di creare delle viste filtrate all’interno dei rapporti, sappi che anche i corrispondenti dati AdSense si visualizzeranno in maniera filtrata.

Google Ads

Google Ads non ha bisogno di presentazioni, tuttavia, nonostante le enormi potenzialità nel campo delle campagne PPC, sul lato del monitoraggio è ottimale collegarlo con Google Analytics per arricchire i rapporti di dati come:
-La durata delle sessioni di visite
-Le azioni eseguite su determinati elementi di una pagina web, per esempio i click su un bottone
-Il journey che ha condotto l’utente in tutte le fasi del funnel, fino a giungere alla conversione stabilita.
Tutte queste azioni e molte altre ti saranno possibili all’interno di Google Analytics!
Il collegamento dei due account potrebbe sembrarti un’operazione dispendiosa, tuttavia ti sono venuto incontro illustrandoti in maniera sintetica e sequenziale tutti i passaggi da seguire e da ripetere per ogni proprietà Analytics che desideri collegare a Google Ads.
PREMESSA
Solo un account Ads attualmente attivo può essere collegato ad Analytics.
Inoltre, assicurati che il tuo account Google disponga dell’autorizzazione di “Modifica” per la proprietà Analytics e dell’accesso amministrativo su Ads.
STEP
– Entra nel tuo account di Analytics, o direttamente oppure aprendolo dalla sezione “Strumenti e impostazioni” di Google Ads
– Clicca su “Amministratore” > “Proprietà da collegare” > “Collegamento a Google Ads” > “+ Nuovo gruppo di collegamenti”.

collegamento google ads google analytics

A questo punto, seleziona gli account Google Ads che desideri collegare e poi clicca su “Continua” e digita un titolo per il gruppo di collegamenti appena creato
Per ogni vista della proprietà in cui vuoi visualizzare i dati provenienti da Google Ads, attiva il collegamento.
Solo nel caso in cui necessiti di codificare in maniera manuale i collegamenti a Google Ads (perché non hai attivato la codifica automatica), clicca su “Impostazioni avanzate” > “Lascia invariate le mie impostazioni di codifica automatica”
Infine, non ti resta che cliccare su “Collega account”.
Buon lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI SCARICATO I 23+1 TOOLS ?

per far decollare le tue FACEBOOK Ads !